Vai a sottomenu e altri contenuti

Presentazione/ Presentada

ITALIANO

Orune, gemellato con il Comune di Iffendic (Francia), con circa 3.000 abitanti, è un caratteristico centro della provincia di Nuoro. Il paese dista 25 km dal capoluogo ed è situato a circa 800 metri sul livello del mare, in una posizione che, tra le punte di Cuccumache, Cuccureteti e Sant' Andria, domina la vallata di Marreri.

Il territorio orunese comprende circa 13.000 ettari di cui 6.500 di terre pubbliche di grande interesse archeologico, ricche di maestosi boschi di sughero, lecci e sorgenti, movimentato da altipiani granitici e profondi valloni. La flora e la fauna sono tipicamente mediterranee. Su tale territori si esplica prevalentemente l'attività di allevamento del bestiame.

Notevole interesse riveste l'attività artigianale, di lavorazione del sughero, tessitura di tappeti, confezione del costume tradizionale, di abiti di velluto e di calzature cucite a mano, un tempo abituale abbigliamento dei pastori e oggi molto ricercate dai giovani.

Gli orunesi celebrano le loro festività paesane di Santu Biasu il 3 febbraio, Su Cossolu il primo lunedì di agosto, Su Carminu l'ultima domenica di agosto. Particolarmente gradito ai bambini è il rito di A Sas Animas, ove gruppi spontanei, la sera del 2 novembre, vanno nelle case per chiedere dolci e frutti di stagione.

Nelle ricorrenze citate di Su Cossolu e Su Carminu vengono indossati i costumi tradizionali. Essenziale ma comunque colorato è il costume maschile. Molto bello quello femminile con il corpetto di panno ricamato con colori vivaci e la gonna di panno rosso ricamato, il grembiule di raso nero con il ricamo in rilievo.

Ad Orune sono da gustare il formaggio tipico col Pane Carasau, carne di porcetto arrosto, agnello e capretto, bollito di carne di pecora con patate e cipolle, la pasta fatta in casa: Maccarrones de unu Poddiche, Maccarrones Lados e de Arrittu, Su Pane Frattadu, insaccati vari confezionati in casa nonché la grande varietà dei dolci tradizionali quali Seadas, Casadinas, Montecadas, Cupulettas, Papassinos, Guelfos, Amarettos e S' Aranzada.

SARDU

Orune,Comunu gemellu cun Iffendic in Frantza, est una bidda de sa provìntzia de Nùgoro in ue b'istat pagu prus o mancu 3000 persones, in unu tretu dae ue, intre sas puntas de Cuccumache, Cuccureteti e Santandria , si bidet totu sa badde de Marreri.
Su sartu de Orune est de unos 13000 ètaros, e de custos 6.500 sunt de Comunale ue b'at sitos archeològicos de importu mannu,padentes de suèrgiu e de èlighe, benas e funtanas, baddes e cùcuros de granitu.
S'artesania est de importu mannu pro s'economia de sa bidda, difatis in Orune si traballat sa vustrica, si faghent sas tramas, si cosit su costùmene, e si faghet bestes de belludu e iscarpones mastrinos: sa bestimenta de sos pastores chi como est torrada in possa e la chircant meda sos pitzinnos.
In Orune bi festant a Santu Biasu su 3 de freàrgiu, Su Cossolu su primu lunis de austu, Su Càrminu s'ùrtima domìniga de austu.
A sos pitzinneddos lis agradat meda finas su de pedire A sas ànimas, cando tropas de pitzinneddos su 2 de Santandria a parte de sero, colant dae domo in domo a pedire durches e frùtora.
A Su Cossolu e a Su Càrminu, si ponet su costùmene. Coloradu, sena èssere iscrasumadu, est su de s'òmine. Su de sa fèmina giughet su solopadu ricamadu cun colores bios, sa gunnedda de pannu ruju ricamadu, s'arda de rasu niedda, ricamada.
In Orune tocat de assazare su casu cun su pane carasadu, petza arrustu de porcheddu anzone e cabritu, petza a buddidu cun patatas e chibudda, macarrones a manos: de unu pòddighe, lados e de Arrittu, pane fratadu, insacados produidos in sa domo e in prus totu sos durches traditzionales: Seadas, Casadinas, Montecadas, Cupuletas, Pabassinos, Guelfos, Amaretes e s'Arantzada.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
regolamento per l'uso di beni nella disponibilità comunale Formato pdf 67 kb